Estratti Congressuali

Non poteva mancare nell'ampio quadro degli interessi di una casa editrice sempre attenta al mondo che la circonda lo sport, attività umana maestra di vita. Ecco dunque le nostre proposte in una nuova collana dedicata interamente ad esso. 

Che cos'è l'uomo

Dopo l’“Anarchia del Sacro” e “Divino risveglio” (conoscenza e amore nelle parole di Gotama il Buddha e Gesù il Cristo”), l’Associazione Ricerche Spirituali (www.associazionears.net) ha indetto un convegno dedicato a “Che cos’è l’uomo?”. Mistici e illustri studiosi hanno proposto le loro conoscenze, fondamentalmente concordi, sul tema centrale di cui ancor oggi si ha riserbo di trattare.Questo libro illustra in 216 pagine antichi insegnamenti e fondate riflessioni sull’Archetipo “Uomo”. Dodici interventi cercano di costruire una proposta che possa esser utile alla riflessione di quell’uomo che non abbia ancora rinunciato a vivere.

 

Atti del Convegno

Formato 12,5x19 brossura

218 pagine

  20,00

Risveglio Divino

La natura delle percezioni che promanano dalle righe di questo saggio si affida ad una consonanza che già esiste per lumeggiare gli insegnamenti più comuni alle due tradizioni: al Buddhismo che non è una religione, al Cristianesimo di Cristo, molto più sorprendente di quanto non si sia abituati dalle solite letture altalenanti tra integralismi e protestantismi vari.Siamo di fronte ad una sorta di rimbalzo di luce tra due specchi che illuminano una strada dall’inizio alla fine lasciando, ad ogni specchio, il compito di riflettere luce, sapienze, suggestioni e folgorazioni assolutamente imprevedibili seppure piene di Amore, la ignea Sostanza di Dio, l’Ineffabile, Anatta.

Dalla Presentazione di Maurizio Barracano

 

Atti del Convegno

Formato 12,5x19 brossura

212 pagine

  10,00

"Giacinto Provana di Collegno" Uomo d'Armi, geologo, eroe risorgimentale, Ministro di Stato e Senatore del Regno

Ecco le parole che il marchese Alfieri, Presidente del Senato, pronunciò innanzi ai Senatori riuniti per commemorare la figura di Giacinto Provana l’8 gennaio 1857: “... uomo di sana tempra e salda, di fermo ingegno, di virtù severa, di umanissima convivenza; lasciò il suo nome collocato fra quelli dei nostri tempi cui l’Italia è più giustamente in debito d’onore e d’affetto; poiché, scevro d’ogni ambiziosa vanità, superiore nella sua rettitudine alla lusinga ed alla prepotenza delle parti, dedicava una vita di studio, di azione e di sacrifizio. E noi, che fummo gli amici suoi, rivolgeremo di certo lo sguardo al luogo che egli qui assiduamente occupava senza che un pensiero di benevolenza ravvivi sempre più l’ossequio ed il desiderio che rimane di lui...”

A cura di: R.Chiaramonte

Formato: 17x24 cartonato

160 pagine illustrate

  25,00

L’araldica dello scalpello

L’Araldica dello scalpello, secondo tassello di una trilogia che ha avuto ne L’Araldica del pennino il suo inizio e che avrà ne L’Araldica del pennello il suo epilogo, si propone di continuare, attraverso lo studio delle fonti araldiche torinesi e sulla scia di un’instancabile ricerca nel territorio, il censimento di quell’immenso patrimonio oggetto di studio da parte di ricercatori, storici e cultori della materia. Nell’anno della ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia è ancora Torino, antica capitale dello Stato sabaudo, a fare da sfondo alla terza giornata di studi che è anche momento attraverso il quale diffondere questi nostri atti, frutto di una minuziosa quanto approfondita ricerca storica non senza intenti di sperimentazione, a riprova e testimonianza del grandissimo successo riscontrato dalla seconda giornata, L’Araldica dello scalpello.

Vivant ringrazia gli esperti di fama internazionale e gli appassionati che hanno contribuito al successo dell’iniziativa.

Atti del Convegno del 27 novembre 2010

Formato: 17x24 brossura

408 pagine illustrate a colori

  40,00

Il pensiero visivo

Giovanna Lorusso in arte Gio’, opera a Torino dal 1997. Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Bari del corso di Pittura del prof. Michele de Palma, allievo del maestro Emilio Vedova. A Firenze si è specializzata in grafica d’arte. Tiene la sua prima mostra personale a Bari nel 1989. Già nel 1992 viene proposta in “Immagine e Struttura” dopo essere stata selezionata per il premio “Arte”della rivista “Arte” - Giorgio Mondadori - come “l’artista contemporanea dalla poetica aperta alla sperimentazione”. Nel 2001 vince la Medaglia d’oro - primo premio - per la Grafica dell’Accademia Internazionale d’Arte moderna di Roma. Le sue mostre personali e collettive dal 1989, tenute quasi a cadenza annuale in diverse città italiane, sono documentate dai quotidiani: la Gazzetta del Mezzogiorno - 1989, 1994; La Stampa - 2000, 2002, 2006; La Repubblica - 1993, 2000; Il Resto del Carlino - 1994; Il Secolo XIX 1993, Il Nuovo Giornale 1994; La libertà 1993; da riviste specifiche d’arte; Il Giornale dell’arte - Allemandi - 1991; Arte - G. Mondadori 1992; Flash art (speciale Torino(200). Ha partecipato negli anni ‘90 ad alcune collettive negli Stati Uniti. Ha pubblicato “Immaginazione e creatività” - La Stampa d’Arte.

Espressione visiva del linguaggio pittorico

Autore: G. Lorusso

Formato: 17x24 brossura

88 pagine illustrate

Armi antiche 2011

l motto di Ricasoli
M.A. Piermartini
La carabina svizzera modello ’53 da Cacciatori  e il suo impiego nel Risorgimento italiano
A. Donato

Artiglierie ad avancarica a Messina. Storia e caratteristiche
E. Ricchiardi

Storia della Divisione La Marmora nel 1849
S. Di Pasquale

Un esercito di straccioni. Fatti militari, armamenti e uniformi alla spedizione dei Mille negli scritti di Ippolito Nievo
R.C. Renda

1859: medici in prima linea

Accademia di S. Marciano

Formato: 17x24

brossura

224 pagine

  25,00

"L'araldica del pennino"

Primo tassello di una trilogia – con le altre due giornate di studio L'araldica dello scalpello e L'araldica del pennello i cui atti seguiranno – L'Araldica del Pennino si propone, di fare il punto sull'importanza del patrimonio araldico torinese. Torino dispone di testimonianze araldiche di straordinaria importanza che si impongono  all'attenzione . Le più importanti biblioteche, i principali archivi, i più prestigiosi musei torinesi hanno contribuito alla stesura di questo volume.

Annuario dell’Accademia di S. Marciano. 2009

L’Accademia di San Marciano è un’associazione fra studiosi, amatori e collezionisti, apolitica e aconfessionale, senza fini di lucro. Scopi dell’Accademia sono lo studio delle armi antiche e della tecnologia collegata, della vessillologia, dell’uniformologia, dell’arte e della storia militari, delle fortificazioni, la diffusione dell’interesse in questi campi, la salvaguardia di oggetti e testimonianze, la collaborazione con Musei e altri Enti in questi ambiti.

"L'armi pietose e I Cavalieri. Cavalleria e Nobiltà."

Parrebbe fuori del tempo raccontare, oggi, di tornei, di caroselli, di cavalli e cavalieri, parlare di un mondo antico, sia pure affascinante, ma che non c’è più e che sembra ormai solo un ricordo di nostalgici. Eppure Vivant continua a farlo e ritiene che parlare di onestà, di importanza della parola data, di sacralità della propria vita al servizio del vero e del prossimo, non sia fuori tempo.  Il lavoro di Della Croce, parte preminente del volume illustrato da belle e vivaci immagini, descrive con precisi riferimenti storici i principali tornei che della cavalleria erano la manifestazione ludica e gioiosa, ma per nulla priva di valori e di profondi impegni. L’appendice, oltre a presentare la singolare storia di Griselda, vede i lunghi elenchi dei partecipanti ai caroselli, nomi di grandi famiglie, spesso impegnati a rappresentare i propri antenati. 

Storia degli "Asinari di Casasco"

Una storia lunga oltre mille anni di una famiglia astigiana che a partire dal 1531, e sino al 2 giugno 1946, passerà “con corpo et spirito” al servizio di Casa Savoia.